Privacy Policy Cookie Policy

SVOLGIMENTO DELLA VISITA:

L'approccio

La prima visita nutrizionale ha un primo importante obiettivo: conoscere personalmente il mio interlocutore. Sono sempre stato orientato verso un approccio basato sull’ascolto, per comprendere al meglio le esigenze di chi mi sta davanti e poter costruire insieme un percorso personalizzato, mirato al raggiungimento di un obiettivo condiviso. Tale obiettivo non è semplicemente orientato alla sola elaborazione di un piano alimentare, ma è finalizzato ad aumentare gradulamente la propria consapevolezza di tutto ciò che ruota attorno al buon cibo e ad uno stile di vita equilibrato e salutare. In sintesi, credo fermamente che l’ascolto sia alla base della corretta informazione ed educazione, pilastri essenziali per rafforzare la propria consapevolezza del “mangiar bene”.

Le tappe

Dopo un primo colloquio, durante il quale converseremo in piena libertà ed inizierò a comprendere  le tue abitudini alimentari, il tuo stile di vita, le tue esigenze e i tuoi desideri, la prima visita nutrizionale si articolerà nei seguenti step:

  • Anamnesi approfondita dello status ponderale ( sia a livello personale, sia a livello familiare ) e dello stato fisiologico e patologico. Verrà pertanto indagata la presenza di eventuali allergie e/o intolleranze, l’assunzione di integratori, eventuali terapie farmacologiche in corso e patologie accertate.
  • Rilevazione di indicatori antropometrici ( altezza, peso ) e analisi della composizione corporea totale e segmentale, mediante bioimpedenziometro a frequenza multipla. Saranno pertanto rilevati,  opportunamente analizzati e interpretati, i seguenti parametri: indice di massa corporea, metabolismo basale, massa grassa, massa magra, massa muscolare, minerali, acqua totale corporea e rapporto tra acqua intra ed extra-cellulare, proteine, circonferenza addominale, rapporto vita/fianchi.
  • Definizione di un obiettivo, opportunamente condiviso, in relazione alle premesse precedenti.
  • Elaborazione di un piano alimentare personalizzato, sulla base dello stato fisio-patologico, dei parametri corporei ed antropometrici individuati e dell’obiettivo condiviso. Oltre ad essere costruita “ad personam”, la dieta sarà anche inserita nel contesto di un miglioramento del tuo stile di vita quotidiano, inteso non solo come approccio mentale e pratico all’alimentazione, ma anche come attività fisica e benessere psicologico.
  • Monitoraggio dei risultati ottenuti, a cadenza regolare, mediante visite di controllo, durante le quali verrà effettuata una nuova rilevazione dei parametri antropometrici e della composizione corporea: ciò è mirato ad una corretta valutazione dei progressi raggiunti, con conseguente eventuale adeguamento del piano alimentare e dell’obiettivo da conseguire, in relazione alle nuove esigenze manifestatesi.
Carrello